Quando danza vuol dire inclusione diventa "danceability"

Caterina

06 maggio 2021 by Caterina

Il Linguaggio del Corpo accessibile a tutti, senza preclusioni

Improvvisazione, relazione, contatto, coreografie e musica per un’arte adatta a tutti. Perché si può ballare e saltare anche solo con un dito. Da Nord a Sud, ecco le principali esperienze italiane di un metodo che viene da lontano. Non si tratta di curare né di voler mettere a confronto l’uno con l’altro, ma di accettare ognuno così com'è. Sta qui la radice di un’idea che, grazie a tanta determinazione e a una rete continuamente in espansione, ha portato la danceability in tutto il mondo

La Danceability è una tecnica di danza che rende accessibile il linguaggio del corpo a tutti, senza preclusione di età, esperienza o condizione psicofisica. Questa disciplina si basa sulla fiducia reciproca dei danzatori, sull’improvvisazione e sulla consapevolezza di sé in relazione agli altri e al proprio corpo nello spazio. In questo modo dà opportunità di espressione artistica a tutti sradicando i pregiudizi e integrando le persone con disabilità nella vita culturale della società.

Permettere a tutti di danzare.
Portare a danzare tutti, far sperimentare a tutti, nessuno escluso, la bellezza dell’arte coreutica, per troppo tempo chiusa nello scrigno di una magia avverabile per pochi eletti, dai corpi perfetti e dalle movenze già scritte. Tutta l’umanità, anche quella che non risponde ai canoni precostituiti della perfezione fisica o mentale, sa danzare, sa instaurare una relazione con altri corpi, sa respirare, variare lentezza e velocità, sperimentare anche con una sola parte del corpo ogni emozione possibile. Per esempio, chi l’ha detto che non si può saltare con un dito, cogliendo e sentendo tutto il significato del “saltare”? Fondamentale è partire dalla persona, da come essa è dipende la danza che ne scaturirà. Il metodo cambia a seconda di chi si incontra.

La Danceability è un metodo potenzia lo sviluppo delle proprie possibilità espressive e creative senza mai isolare nessuno. Possono partecipare persone cieche, sorde, sulle sedie a ruote, con problemi cardiaci o motori, persone che apparentemente non rispondono al mondo esterno, amanti del mondo dello spettacolo o danzatori professionisti. Ognuno può lavorare in modo collaborativo e si può esprimere con quello che trae e che apporta al gruppo. La danceability, che lo stesso suo fondatore definisce "studio dell’improvvisazione del movimento", anche in Italia conta insegnanti certificati e viene praticata in diverse città e contesti, messa in pratica da singoli docenti o team, associazioni, compagnie.

La forza sta nell'inclusione.
Eleni Tsili è danzatrice, educatrice di movimento artistico e insegnante certificata di danceability, lavora tra Roma, Grecia e Germania: "La forza di questo lavoro sta nell’inclusione. La cosa più importante è trovare modi di comunicazione, capire che le cose invisibili che ci limitano sono molte di più delle disabilità evidenti". E non ci sono differenze, quando si tratta di superare i propri limiti, tra persone disabili e non: "Ci mettono in difficoltà i nostri limiti personali, che scopriamo e non sapevamo di avere". Danzando, il movimento fa aprire verso gli altri e quello che si sperimenta, in sostanza, è la gioia: "Avere uno spazio in cui relazionarsi con gli altri attraverso il movimento è gioia enorme".

Non ci sono limiti per esprimersi danzando. Anche un portatore di handicap può danzare, fare arte ed emozionare, al pari di tutti gli altri danzatori.


 

Ultimi post del blog

Scopri e lasciati ispirare